Robert Schumann: Arabeske op. 18 – Introduzione

RobertSchumannArabeske op. 18 in do maggiore è un brano scritto nel 1839 dal compositore tedesco Robert Schumann (1810 – 1856), durante un suo soggiorno viennese.

È un breve brano per pianoforte solo dedicato alla signora F. Serre, come è scritto sullo spartito.

Fu pubblicato dall’editore Spina, a Vienna, nello stesso anno.

Questo brano, non difficilissimo da suonare quindi eseguito frequentemente, è un brano elegante, di sicuro effetto, che mette in mostra la particolarità e l’originalità di Schumann, forse più che altri pezzi (Schumann, infatti, si trova meglio, si trova più a suo agio nel frammento, nell’ispirazione breve mentre è meno immediato in composizioni più articolate ed estese, come hanno osservato alcuni suoi studiosi).

Nonostante questo, Arabeske è considerata come un’opera minore, «debole e per signore», come scrisse lo stesso Schumann.

In essa si esprime l’essere profondo del compositore mediante figurazioni melodico-ritmiche e temi che mettono in luce la sua spontaneità, la sua vivacità e la sua genuinità.

Lo stesso titolo fa riferimento all’arabesco, un disegno ornamentale libero, fantasioso e quasi indefinito: questo lo si può vedere anche sullo spartito, dove fin dall’inizio troviamo l’accompagnamento della mano sinistra che sembra proprio disegnato come un arabesco.

Arabeske è un pezzo scritto a forma di rondò quindi è strutturato con una successione di frammenti e temi, contrastanti tra di loro anche se dal carattere delicato e dolce, inframmezzati dal tema principale, un tema cantabile che ritorna ciclicamente seguendo fedelmente lo schema formale, appunto, del rondò.

Robert Schumann: Arabeske op. 18 – Spartito

Robert Schumann: Arabeske op. 18 – Guida all’ascolto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment