La progressione melodica e armonica

progressioneNell’armonia tonale, una progressione è la riproduzione di uno stesso disegno melodico o armonico proposto su gradi diversi (quindi a partire, ogni volta, da una nota diversa) della scala.

Nella sua forma più semplice la progressione ripete, ad esempio, un frammento melodico-ritmico a intervalli regolari secondo un movimento parallelo, dove tutte le note si muovono nella stessa direzione e alla stessa distanza tra di loro.

La prima proposta si chiama modello mentre ogni sua riproposta che imita il modello si chiama riproduzione o imitazione.

Una progressione può contenere, al suo interno, delle modulazioni: quando queste cambiano tonalità allora avremo una progressione modulante che segue determinate regole di realizzazione e dove gli intervalli vengono rispettati fedelmente; in caso contrario, sarà una progressione unitonale (o monotonale), dove gli intervalli cambiano per rimanere all’interno della stessa tonalità (in questo caso, infatti, le note dovranno appartenere sempre alla stessa scala).

La progressione può essere anche ascendente o discendente a seconda che il modello sia ripetuto partendo da note più acute, nel primo caso, o più gravi, nel secondo.

Nella pratica compositiva, una progressione ha raramente più di due ripetizioni identiche del modello: nella terza, infatti, esso viene modificato in quanto porta alla continuazione del brano e alla conclusione della progressione stessa.

Nel caso contrario, l’orecchio si aspetterebbe una nuova riproposizione del modello, diminuendo l’interesse del brano.

Lo scopo di una progressione è quello di confermare il pensiero musicale del compositore ma, nello stesso tempo, è una ripetizione che serve per portare avanti il discorso musicale, essendo ognuna di esse su una nota diversa.

Possiamo trovarla impiegata in diverse forme musicali, prime fra tutte la fuga e la forma sonata.

Una progressione di accordi, chiamata anche progressione armonica, invece, è la successione, generalmente di poche battute, di una serie di accordi che confermano o meno una tonalità.

Possiamo trovare tre gruppi di progressione armonica:

  • tonali o modulanti: anche qui vale il concetto che ho espresso sopra
  • principali o derivate: quello che cambia qui è lo stato dell'accordo, cioè in quale disposizione viene usato e quale nota dell'accordo si trova nella parte più grave che funge da basso d’armonia (avremo cioè gli accordi allo stato fondamentale o sotto forma di rivolti)
  • regolari o irregolari: nel primo caso la ripetizione è identica al modello, cosa che non avviene invece nel secondo caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment