Nicolaj Rimskij-Korsakov: La Grande Pasqua Russa op.36 – Guida all’ascolto

Rimskij-Korsakov_La-grande-Pasqua-russaLa Grande Pasqua Russa op. 36 di Nicolaj Rimskij-Korsakov inizia con il primo tema tratto dall’Obichod: “Sorga Dio …”, che risuona in modo solenne ai fiati (questo è il video che ho scelto per fare questa guida all’ascolto).

Si sente tutto il cupo stato d’animo in questa prima presentazione, anche a livello ritmico che sembra quasi instabile: Rimskij-Korsakov usa un tempo di 5/2, quindi un tempo in cui gli accenti sono spostati rispetto ad un tempo di 3 o 4 tempi, come magari siamo abituati a sentire.

A tutto questo, però, si contrappone (a 00:52) la dolcezza della cadenza del violino solo, ad indicare “l’antica profezia di Isaia della Resurrezione di Cristo”.

Subito dopo, a 01:12, troviamo il secondo tema eseguito dal violoncello solista e di colpo ritorna la malinconia iniziale.

A 01:43 ritorna il primo tema, presentato ora dai tromboni e dagli archi, seguito a 02:56 dall’assolo, questa volta eseguito dal flauto solista.

A 03:45 abbiamo di nuovo il primo tema affidato ora ai fagotti e alla tuba (il che rende ancora più drammatico il tutto) a cui fa seguito, dopo il tremolo degli archi, un accordo degli ottoni e il glissando di un’arpa (a 04:44), l’Allegro agitato che, grazie alla sua vivacità ed esplosione, ci immerge nella luce della resurrezione (a 04:53):

L’inizio dell’Allegro ‘e fuggano davanti a Lui quelli che Lo odiano’ conduceva all’umore festoso della liturgia del Mattutino pasquale della Chiesa greco-ortodossa …”,

dice lo stesso Rimskij-Korsakov.

Questo movimento, che termina con un fugato degli archi accompagnati da accordi in contrattempo, a 05:32, ci porta all’entrata di tromboni e fagotti che ci ripropongono velocemente l’introduzione che sfocia in un’esplosione orchestrale con la danza contadina che possiamo sentire a 05:50.

A 06:40 si ha di nuovo una rarefazione e viene presentato il tema dell’Obichod: “Cristo è risorto”, affidato inizialmente ai violini a cui fa seguito l’intera orchestra per raccontarci della grande vittoria di Cristo sulla morte.

A 07:38 questo tema della resurrezione viene riproposto dall’oboe che introduce all’assolo di trombone, a 07:57: il sacerdote intona solennemente il Vangelo a cui fa seguito una ripresa dei vari temi sentiti finora.

Il tutto ci conduce al ritorno del primo tema dell’Obichod, alla danza contadina, al tema lirico e alla cadenza iniziale del violino.

Dopo questa successione di temi e di piccoli episodi, a 12:11 i tromboni e la tuba intonano la loro melodia, che conduce alla danza contadina e al finale che si apre con una fanfara trionfale di trombe, corni francesi, trombone e tuba, a cui si aggiungono tutti gli altri strumenti dell’orchestra.

Infine a 13:40 ritorna il canto dei sacerdoti (sempre grazie al trombone e alla tuba) che, con la fanfare finale, chiudono questo pezzo con una grande festa: la festa della resurrezione di Cristo.

Nicolaj Rimskij-Korsakov: La Grande Pasqua Russa op.36 – Partitura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment