Il leitmotiv

leitmotivUn leitmotiv (o leitmotif, volendo francesizzare la parola) è una frase, un tema, un frammento melodico, ritmico o armonico che ritorna più volte nel corso di un lavoro musicale (soprattutto nell’opera e nel poema sinfonico).

La parola deriva dal tedesco ed è formata dalle parole leit (condurre) e motiv o motif, dal francese (motivo).

Questo termine sembra essere apparso per la prima volta nel 1860, relativamente alle opere di Richard Wagner (che ne fece un uso sistematico) e di Franz Liszt.

Tuttavia, si fa risalire la sua nascita a F. W. Jähns, critico musicale che si è occupato della vita e dell’opera di Weber nel 1871: da quel momento la parola leitmotiv verrà usata correntemente.

Hans von Wolzogen, l’editore del Bayreuther Blätter, la utilizzerà nel 1887 per parlare della musica di Wagner, il quale, però, preferiva utilizzare le parole grundthema o grundmotiv (idea, tema, motivo fondamentale).

Il leitmotiv consiste in un motivo musicale conduttore, un tema chiave ripetuto nel corso dell’opera, che viene associato a un’idea, un personaggio, una situazione particolare, un sentimento, un oggetto, un luogo.

Non deve, però, essere confuso con il ritornello o con un motivo ripetuto frequentemente nel corso di una composizione musicale.

Nel XVIII secolo si possono trovare alcuni esempi di leitmotiv in André Grétry (Riccardo Cuor di Leone del 1785) mentre Hector Berlioz, nel 1830, lo chiama idée fixe nella sua Symphonie fantastique.

Il leitmotiv può consistere in una breve melodia, un accordo o di una sola figura ritmica, quindi un qualcosa di ben caratterizzato, semplice e breve: questa semplicità e brevità permetterà che il tema stesso si fissi subito nella mente dell’ascoltatore il quale, sicuramente, lo riconoscerà quando esso verrà riproposto di nuovo.

La riproposta del leitmotiv è letterale, senza variazioni o sviluppi di nessun genere.

In questo modo il lavoro musicale risulta molto omogeneo, coerente ed unitario: il compositore racconta la storia anche senza usare parole, senza commenti e tutti i passaggi tra una ripetizione e l’altra di un leitmotiv servono da congiunzione e preparano le ripetizioni dei vari temi.

Questa ripetizione letterale non verrà più rispettata nel secolo XIX, dopo Wagner: il leitmotiv sarà variato e rielaborato, ritmicamente e/o melodicamente, per descrivere l’evoluzione del personaggio o della situazione a cui quel tema era associato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment