Il serialismo o musica seriale

serialismoIl serialismo o musica seriale è una tecnica compositiva basata sulla serie, principio costruttivo che si fonda su una successione prestabilita e invariabile di dodici note.

Iniziata intorno agli anni ’20 del XX secolo, da Arnold Schönberg, Alban Berg e Anton Webern, la musica seriale è considerata un po’ come l’evoluzione del linguaggio musicale tonale che già alcuni compositori di quel periodo avevano spinto a tal punto da avere una quasi assenza della tonalità stessa (grazie al ricorso alle modulazioni, ad esempio).

Nella musica seriale troviamo una nuova teoria compositiva, destinata a prendere il posto di quella propria dell’armonia tonale: la scala cromatica sostituisce le scale maggiori e minori e tutti e dodici i suoni assumono la stessa importanza.

La serie è formata da tutti e dodici le note utilizzate una sola volta all’interno di ogni serie per evitare che una di esse diventi predominante rispetto alle altre.

La serie, poi, viene usata come elemento per costruire tutto l’intero brano.

Possiamo trovarla:

  • nella sua forma originale, cioè come è stata pensata e costruita
  • nella sua forma retrograda, cioè letta dall’ultima alla prima nota
  • nella sua forma a rovescio, dove gli intervalli vengono letti al contrario (quindi dove nell’originale l’intervallo sale qui scende e viceversa, come avviene con uno specchio)
  • nella sua forma retrograda del rovescio, dove le due forme precedenti vengono combinate insieme.

La stessa serie, poi, originale o derivata, può essere tranquillamente trasportata su tutti e dodici i gradi della scala cromatica.

L’interesse compositivo di questo procedimento viene dal fatto che gli intervalli sono ricorrenti, quindi la serie è costruita seguendo dei criteri ben precisi (sempre personali del singolo compositore), e questo propone all’ascolto un colore armonico-melodico specifico, libero da ogni contrasto che invece era proprio della musica tonale: le melodie non sono più sottomesse alle leggi armoniche di attrazione verso una nota o un accordo.

Nella dodecafonia la serie viene utilizzata per regolare le altezze dei suoni.
Nella musica seriale in genere, invece, la serie viene applicata anche agli altri parametri musicali quali il ritmo, le durate, i timbri, la dinamica, l’intensità, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment