Igor Stravinskij – Petruška: III quadro – Guida all’ascolto

Stravinskij_Petruska3Anche il terzo quadro di Petruška di Igor Stravinskij, come il secondo, è legato al precedente dal rullo del timpano e della cassa rullante: ci spostiamo adesso nella stanza del Moro (siamo a 16:00 del nostro video).

Un materiale musicale sparpagliato qua e là (all’inizio, Feroce stringendo è scritto in partitura, ci sono dei colpi violenti e pesanti, frammenti inquietanti, pause brusche) descrive un personaggio negativo, rozzo, violento e brutto, nonostante goda del privilegio di una vita agiata, a differenza di Petruška.

Le sue ricche origini orientali sono espresse da qualche accordo vuoto, formato solo da intervalli di quarta e di quinta, a 16:29 e dalla predominanza di strumenti a fiato: con i suoi abiti eleganti seduce la Ballerina, con una danza orientaleggiante a 17:04 eseguita dal clarinetto e dal clarinetto basso, accompagnati da piatti e grancassa, a cui fa seguito subito dopo un tema alquanto angosciante del corno inglese a 17:40.

Al timbro scuro dei fagotti è affidato un motivo lento, a 18:25 piuttosto oscuro e contorto (Petruška è nell’ombra).

Un assolo di tromba (Allegro), a 18:52 vivo e brillante sopra il rullante (che rappresenta l’ingresso della Ballerina) precede il valzer Steyrische Tänze (diviso in due parti, la prima delle quali, a 19:45 in mi bemolle maggiore, Lento cantabile, eseguito dalla cornetta e dal flauto, cantabile sentimentalmente accompagnati dagli arpeggi del fagotto) che Stravinskij ha preso in prestito da Joseph Lanner, eseguito da fagotto, tromba e flauto.

Il Moro danza maldestramente insieme alla Ballerina, tanto che il valzer è modificato goffamente.

La seconda parte del valzer, Allegretto, (in si maggiore e presentato ora da arpa e flauto), a 20:30 viene sporcato dal tema di Petruška che, inizialmente quasi nascosto, prende infine il sopravvento: Petruška irrompe nella stanza del Moro con tutta la sua gelosia tanto che si riconosce dal grido affidato alla tromba (un arpeggio discendente, che va dal forte al piano, e che si sente qui e là).

Petruška dovrà tuttavia ritirarsi davanti al suo rivale, che lo minaccia, inferocito, con la sua scimitarra (a 21:13) per riprendere subito dopo a ballare tranquillamente a tempo di valzer con la Ballerina.

Ma Petruška non si rassegna: a 22:06 il valzer viene interrotto fino ad arrivare ad un movimento rapido e staccato agli archi e ai legni che porta, a sua volta, a violenti accordi sincopati che descrivono l’incremento della rissa tra i due.

Il tutto viene interrotto dal rullo del timpano e del rullante, a 23:02 che, ancora una volta, segna il cambiamento di quadro e di scenografia.

Ma questo lo puoi leggere in quest’altro articolo.

Igor Stravinskij: Petruška – Partitura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!



Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment