Franz Schubert: Sinfonia n. 8 in si minore “Incompiuta” – Introduzione

FranzSchubertLa Sinfonia n. 8 in si minore di Franz Schubert (1797 – 1828), chiamata Incompiuta, fu scritta nel 1822: il 30 ottobre 1822 è la data che troviamo nel manoscritto originale.

Il motivo per cui Schubert scrisse questa sinfonia sembra essere quello di un ringraziamento, da parte del compositore, per essere stato ammesso, come membro onorario, a far parte della Società Musicale Styriana di Graz.

Tuttavia il manoscritto fu ritrovato molti anni dopo la morte di Schubert, il quale aveva dato la partitura all’amico-compositore Anselm Huttenbrenner, a cui Schubert stesso sembra aver inviato la Sinfonia in segno di ringraziamento per avergli mandato il diploma onorifico della Società.

La prima esecuzione di questa sinfonia si ebbe il 17 dicembre 1865, sotto la direzione di Johann Herbeck.

Il successo fu tale che tutt’oggi la Sinfonia n. 8 in si minore di Schubert resta una delle opere strumentali più conosciute al mondo.

Perché questa sinfonia è detta Incompiuta?

Semplicemente perché di essa troviamo due soli movimenti completi e orchestrati dallo stesso Schubert (l’Allegro moderato e l’Andante con moto); troviamo poi un abbozzo di 128 battute del Terzo movimento (Scherzo) sotto forma di spartito per pianoforte, di cui solo 9 di esse orchestrate dal compositore.

Varie ipotesi sono state fatte sull’incompletezza di questa sinfonia.

Una di queste potrebbe essere quella secondo la quale il compositore (che viveva al tempo in cui Beethoven portava avanti la sua rivoluzione sinfonica tanto da scrivere una volta ad un amico: “Talvolta penso nel mio intimo che potrei divenire qualcosa; ma che cosa si può ancora fare dopo Beethoven?”) si esercitasse in quelli che lui chiamava esercizi strumentali e fosse alla ricerca di nuove e personali soluzioni: abbozzi, sperimentazioni sia strumentali, sia melodico-armoniche, sia timbriche tanto che troviamo diversi brani e lavori, con tanto di titolo, lasciati interrotti da Schubert.

Un altro motivo potrebbe essere quello secondo cui Schubert non avrebbe avuto la certezza dell’esecuzione di questa sinfonia e così decise di interromperla: questo, però, sembra poco probabile perché anche di altri lavori (come sonate o quartetti) non aveva la certezza dell’esecuzione finale, tuttavia furono terminati.

Un terzo motivo, che sembra invece quello più accreditato, potrebbe essere quello che i due movimenti completi di questa sinfonia hanno una perfezione in sé tanto che bastano da soli ad esprimere quello che Schubert voleva trasmettere, sono già completi, quindi il compositore non avrebbe potuto finire questa sinfonia in nessun altro modo.

D’altronde una sinfonia è come una specie di racconto che si svolge tramite le melodie e i temi principali, tramite la sua forma generale che segue un percorso ben preciso e ordinato.

In una pagina del suo diario, intitolata “Il mio sogno”, Schubert scrisse proprio nel 1822, anno della composizione di questa sinfonia:

Per molti anni cantai delle canzoni [ricordiamo che Schubert compose moltissimi lieder, n.d.r.].
Ma se volevo cantare l’amore non sapevo esprimere che il dolore e se volevo cantare il dolore esso diveniva amore.
E così l’amore e il dolore si dividevano la mia anima
”.

Quindi questi due sentimenti li ritroviamo nelle varie opere di Schubert, compresa questa sinfonia n. 8: i due movimenti esprimono due caratteri contrastanti, senza riuscire a trovare una pacificazione finale.

I due movimenti, pur nella loro differenza e nel loro contrasto, rivelano tuttavia strette relazioni a livello ritmico e a livello dell’elaborazione tematica: dolore e amore sono opposti ma complementari, non riescono uno ad eliminare l’altro.

Diversi sono i tentativi di terminare questa sinfonia, talvolta anche usando brani che lo stesso Schubert aveva o abbozzato o usato in altre composizioni: nonostante questo, la Sinfonia n. 8 viene sempre eseguita nei suoi due soli movimenti scritti interamente dal compositore.

L’organico orchestrale usato da Schubert nella Sinfonia n. 8 è il seguente: 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, 3 tromboni, timpani, quintetto d’archi.

Sinfonia n. 8 in si minore “Incompiuta”: Partitura

Sinfonia n. 8 in si minore “Incompiuta”: I – Allegro moderato – Guida all’ascolto

Sinfonia n. 8 in si minore “Incompiuta”: II – Andante con moto – Guida all’ascolto

3 thoughts on “Franz Schubert: Sinfonia n. 8 in si minore “Incompiuta” – Introduzione

  1. Andrea Veronesi said:

    Gentilissima,
    E’ sempre affascinante sentire vecchie e nuove teorie sul perche’ la sinfonia n.8 di Schubert ha solo due movimenti. E tali penso (e spero) che rimarranno. Lo dico perche’ l’aura di mistero che circonda questa sinfonia le giova cosi’ come l’aura diabolica che circonda la figura di Paganini. Io personalmente sono convinto che un musicista sempre attento alle forme come Schubert difficilmente avrebbe concepito dall’inizio una sinfonia in due movimenti invece dei canonici quattro. Poteva permetterselo il rivoluzionario Beethoven (sonata per pf. op.111 in soli due movimenti) ma non Schubert, sempre attento a non “scandalizzare” il suo pubblico. Siamo nel mare delle ipotesi ma se esistono 128 battute di un terzo tempo forse non siamo lontani dalla verita’ 😉
    Detto questo, rimane la musica; Questi due stupendi movimenti che sono davvero l’essenza di quel e’ stato il musicista del dolore: Schubert.

    • Non sapevo che di regola ci devono essere 3 tempi anche se sono abituata a sentire le sinfonie cosi. Un musicisti deve suonare com il cuore trasmettendo cio che ha dentro solo cosi dona se stesso.

  2. Mirna Sopranzi said:

    Questi due tempi sono già completi e ti prendono l’anima e ogni volta mi commuovo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment