Category Archives: Johannes Brahms

Johannes Brahms: Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83 – Introduzione

Eseguito per la prima volta il 9 ottobre 1881 in Ungheria, a Budapest (Pesti Nemzeti Magyar Szinház), con l’autore al pianoforte e con l’orchestra diretta da Sándor Erkel, il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83 del 1881 di Johannes Brahms (1833 – 1897) ottenne fin da subito un grande successo. Frutto di tre anni di lavoro (i primi abbozzi sono dell’estate del 1878), senza dubbio questo Concerto è uno dei capolavori di Brahms e uno dei più grandi concerti di tutto il repertorio, sia per la sua qualità musicale sia per le sue …Read more »

Johannes Brahms: Danze ungheresi – Introduzione

Delle ventuno Danze ungheresi che Johannes Brahms (1833 – 1897) scrisse per pianoforte a quattro mani tra il 1852 e il 1869 (versione che il compositore preferiva di gran lunga a tutte le altre), il compositore ne orchestrò solo tre nel 1885, su richiesta dell’editore tedesco Fritz A. Simrock: le numero 1, 3 e 10. Le altre furono orchestrate da compositori (come il tedesco Albert Parlow, il ceco Antonín Dvořák – grande amico di Brahms – , il russo Paul Juon), da direttori d’orchestra (come lo svedese Johan Andreas Hallén) e molti altri che hanno fatto trascrizioni anche per altri organici, come …Read more »

Johannes Brahms: Variazioni su un tema di Haydn op. 56a – Introduzione

Le Variazioni su un tema di Haydn, op. 56a di Johannes Brahms (1833 -1897) costituiscono la prima grande opera di Brahms dedicata all’orchestra, una specie di prova generale 🙂 Prima di questo lavoro, infatti, possiamo trovare qualche lavoro orchestrale come la Serenata op. 11, il Concerto per pianoforte op. 15 o il Deutsches Requiem. Quindi Brahms ha atteso di avere già una buona maturità musicale per affrontare il problema dell’orchestra, problema al quale Schumann, in un articolo pubblicato nel 1853 sulla Neue Zeitschrift für Musik, lo credeva particolarmente dotato. Le quattro sinfonie e le due ouvertures non tarderanno ad arrivare e segneranno la seconda parte della sua carriera. …Read more »

Johannes Brahms: Ouverture accademica op. 80 – Introduzione

L’Ouverture accademica (o Ouverture per una festa accademica, secondo il titolo originale tedesco Akademische Festouvertüre) op. 80 di Johannes Brahms (1833 – 1897) fu scritta durante l’estate del 1880, un anno prima della sua terza Sinfonia. Essa è contemporanea all’altra Ouverture, l’Ouverture Tragica” op. 81. Questa ouverture fu composta come ringraziamento per la nomina ricevuta l’11 marzo del 1879 in qualità di dottore honoris causa in filosofia all’università di Breslavia (“artis musicae severioris in Germania nunc princeps”). In questa occasione gli fu chiesto espressamente di scrivere una nuova opera da eseguire nella cerimonia che avrebbe avuto luogo sia in segno di riconoscenza sia …Read more »

Johannes Brahms: Sinfonia n. 4 in Mi minore, op. 98 – Introduzione

La Sinfonia n. 4 in Mi minore, op. 98 è l’ultima sinfonia scritta da Johannes Brahms (1833 – 1897) in tempi relativamente brevi, tra l’estate del 1884 (quando terminò la composizione della Terza sinfonia) e quella del 1885, in completo riposo nel piccolo villaggio di Mürzzuschlag, nella Stiria, località molto tranquilla in estate: “un soggiorno estivo deliziosamente perfetto”, scriveva il compositore a Clara Schumann. Come in altre circostanze, Brahms scelse quindi un posto piuttosto isolato, lontano dal rumore cittadino, a [glossary_exclude]stretto[/glossary_exclude] contatto con la natura dove poteva fare lunghe passeggiate. Una sera di agosto, al ritorno da una di esse, il …Read more »

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment