Category Archives: Claude Debussy

Claude Debussy: La mer. Trois esquisses symphoniques pour orchestre – Introduzione

La Mer. Trois esquisses symphoniques pour orchestre, considerata all’inizio come un’opera ambiziosa, moderna e originale, oggi è senza dubbio l’opera che si identifica immediatamente con il nome del suo compositore, Claude Debussy (1862 – 1918), nella mente (e nello spirito) di tutti i musicofili. Debussy aveva terminato la sua grande impresa: l’opera Pelléas et Mélisande, rappresentata per la prima volta a Parigi nel 1902, che gli aveva permesso di diventare un compositore famoso (ricevette anche la Légion d’honneur) e un critico importante. Nel settembre dell’anno successivo cominciò a lavorare a La Mer, mentre si trovava a Bichain, in Borgogna (regione …Read more »

Claude Debussy: Cloches à travers les feuilles (da “Images 2”) – Introduzione

Collegata alla precedente (Images 1), la raccolta Images 2, L 120 per pianoforte, di Claude Debussy sembra portare lo sperimentalismo espressivo e tecnico del compositore francese ad un livello ancora più puro e immateriale. La raccolta fu composta nell’ottobre 1907, pubblicata l’anno successivo da Durand (Parigi) ed eseguita per la prima volta al Cercle Musicale di Parigi il 21 febbraio 1908. Nelle varie raccolte pianistiche scritte da Debussy in questo periodo (e quindi anche in Images 2) il compositore sperimentò un nuovo modo di scrivere per il pianoforte (il cosiddetto impressionismo musicale): la scrittura pianistica è “fluida, varia e sorprendente”, …Read more »

Claude Debussy – Prélude à l’après-midi d’un faune: Introduzione

Il Prélude à l’après-midi d’un faune è un brano sinfonico di Claude Debussy (1862 – 1918), eseguito per la prima volta nella sala d’Harcourt alla Société Nationale de Musique di Parigi il 22 dicembre 1894, data importante nella storia della musica: questo lavoro, infatti, segna l’inizio di una nuova epoca musicale e l’avvento della modernità, tanto da essere considerato come il prototipo dell’impressionismo musicale. Debussy lavorò su questo pezzo orchestrale dal 1892 al 1894; esso doveva essere il primo brano di un trittico (Preludio – Interludio – Parafrasi finale), ispirato da un’èglogue di Stephane Mallarmé del 1876, L’après-midi d’un faune, e queste …Read more »

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment