La blue note

blue-noteUna blue note è una nota usata nel jazz e nel blues e che conferisce a questo tipo di musica una caratteristica indefinitezza tonale: infatti se mi trovo in una tonalità maggiore, questa nota si presenta abbassata di circa un semitono, quindi viene suonata o cantata in modo calante e non mi permette di capire bene se mi trovo in una tonalità maggiore o minore (per questo ho parlato di indefinitezza tonale).

Di solito corrisponde al III e al VII grado della scala della tonalità in cui è il brano.

Fin dall’inizio queste erano le principali blue note che si potevano trovare all’interno di un brano.

Dagli anni ’40 anche il V grado, cioè la dominante della tonalità, venne trattata sempre più come una blue note, quindi come nota calante.

Il significato dell’aggettivo inglese “blue” è connesso all’associazione tra il colore blu e un senso di nostalgia e tristezza tipico della musica afro-americana, così com’essa era percepita dall’orecchio di uditori europei abituato alla dicotomia maggiore-minore“,

dice wikipedia a proposito delle blue notes.

L’origine di questa nota si trova nelle scale che furono alla base della scala blues, prima fra tutte la scala pentatonica.

Queste note sono suonate nei modi più diversi, a seconda del tipo di strumento che si ha a disposizione: i cantanti e i trombonisti usano il portamento (una specie di piccolo glissando detto portamento di voce) e il glissando (dal francese glisser, che significa slittare, scivolare, è l’innalzamento o l’abbassamento dell’altezza di un suono in modo costante) tra la blue note e la nota reale della scala maggiore; i chitarristi usano la tecnica del bending (tirando le corde col polpastrello della mano sinistra verso l’alto o verso il basso, a seconda che si voglia far salire o scendere la nota da un semitono fino a due toni circa); i pianisti invece possono suonare tutte e due le note contemporaneamente a distanza di semitono (quindi RE naturale e REb insieme, ad esempio) oppure può essere suonata come appoggiatura o acciaccatura (entrambi sono degli abbellimenti musicali, che consistono in una notina, più o meno lunga, generalmente a distanza di seconda dalla nota principale e che la precede, sottraendo a quest’ultima una parte del suo valore).

(articolo tratto dall’altro mio sito suonolachitarra.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment