Arnold Schoenberg: Verklärte Nacht (Notte trasfigurata) op. 4 – Introduzione

ArnoldSchoenbergVerklärte Nacht (Notte trasfigurata in italiano) op. 4 è un’opera per sestetto d’archi (due violini, due viole e due violoncelli), composta da Arnold Schönberg (1874 – 1951) nel 1899, ed è considerata come la sua prima opera di rilievo.

Questo lavoro fu composto in meno di tre settimane e fu scritto per Matilde, la sorella di Alexander von Zemlinsky, della quale Schönberg si innamora in quell’anno e che sposerà in seguito.

È un’opera giovanile, scritta a 25 anni, nel periodo tonale del compositore, dove si percepisce l’influenza di Wagner e di Brahms, concatenazioni armoniche che richiamano il wagneriano Tristan und Isolde e accordi di nona senza fondamentale o in rivolti … strani.

Quindi è un’opera giovanile ma che va ben aldilà delle convenzioni dell’epoca: alcuni passaggi di Verklärte Nacht sono considerati, infatti, di difficile comprensione per il loro carattere dissonante.

Verklärte Nacht è costruito sul poema omonimo di Richard Dehmel (poeta tedesco che secondo Schönberg era uno dei “principali rappresentanti dello spirito del tempo nella poesia“), tratto dalla raccolta “Weib und Welt” del 1896.

Il testo (che non è affidato al canto, ma usato per creare un poema sinfonico) descrive una passeggiata notturna, avvenuta in una notte al chiaro di luna, di una coppia di amanti, in cui la donna che confessa al suo uomo di aspettare l figlio di un altro uomo, e ne riceve conforto.

L’opera non fu accolta favorevolmente all’inizio: fu anche rifiutata dalla Società della musica da camera di Vienna perché, tra gli altri motivi, conteneva un accordo di nona allo stato di quarto rivolto, quindi un accordo che non era contemplato nei trattati di armonia dell’epoca.

La prima esecuzione avvenne il 18 marzo 1902 a Vienna grazie al Quartetto Rosé integrato da due strumentisti dei Wiener Philharmoniker, scatenando una querelle tra il pubblico a causa delle arditezze armoniche presenti.

Schönberg stesso dice che questo pezzo è diverso da altre composizioni descrittive per alcune caratteristiche come l’uso del sestetto anziché dell’intera orchestra e l’assenza di azione sostituita dalla semplice descrizione della natura e dell’espressione dei sentimenti umani.

Per questi motivi Verklärte Nacht viene considerato come un brano di musica pura.

Questo pezzo fu successivamente orchestrato dallo stesso autore per orchestra d’archi nel 1917 e rivisto nel 1943.

Nel 2001, Michel Gaechter ha realizzato una trascrizione per pianoforte che ha registrato nel 2002 su un pianoforte Erard del 1883.

Verklärte Nacht ha una durata di circa 30 minuti ed è diviso in sette parti:

  1. Grave
  2. Animato
  3. Poco allegro
  4. Grave
  5. Adagio
  6. Più mosso, moderato
  7. Adagio

Arnold Schoenberg: Verklärte Nacht (Notte trasfigurata) op. 4 – Partitura

Arnold Schoenberg: Verklärte Nacht (Notte trasfigurata) op. 4 – Guida all’ascolto

One thought on “Arnold Schoenberg: Verklärte Nacht (Notte trasfigurata) op. 4 – Introduzione

  1. Gianni said:

    Complimenti per il tuo coraggio! Avanti così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!

Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment