Antonín Dvořák – Stabat Mater: Introduzione

La cantata religiosa Stabat Mater op. 58 (originariamente op. 28 B.71) per soli, coro e orchestra è un’opera del compositore boemo Antonin Dvořák (1841 – 1904) scritta, o meglio iniziata fra il 19 febbraio e il 7 maggio 1876 ed è il suo primo lavoro su tema religioso.

L’inizio della composizione è stata dettata dalla reazione del compositore alla morte di sua figlia Josefa, ma fu presto interrotta per rispettare alcuni impegni presi precedentemente.

La riprese in mano nel 1877, quando due dei suoi figli morirono a distanza di poco tempo.

Dvořàk rimase molto segnato da questi avvenimenti: iniziò a mettere in musica, pur non conoscendo bene il latino, i versi dello Stabat Mater, la sequenza di Jacopone da Todi: aveva, infatti, gli stessi sentimenti che erano nel cuore della Madre di Dio, in pianto sotto la croce di suo Figlio, sentimenti di dolore, ma di un dolore composto.

La morte di Cristo non è, in quest’opera, un tema opprimente, traducendosi invece nella festa finale: il dolore è uno stato transitorio verso la serenità e la felicità finali.

I colori della commozione e del dolore iniziali, con Cristo sulla croce e Maria ai suoi piedi, non dominano a lungo: la disperazione lascia presto il posto alla forza abbagliante della grazia divina, aprendosi in letizia e abbandono fino alla gloria finale in cui l’Amen conclusivo è un anticipo della Resurrezione.

La partitura fu terminata il 13 novembre 1877 a Praga.

La prima esecuzione avvenne, tuttavia, solo tre anni più tardi: il 23 dicembre 1880 al concerto della Jednota umělců hudebních (Associazione degli Artisti della Musica) a Praga, al Teatro Prozátimní Divadlo.

La eseguì l’ensemble del České prozatímní divadlo (Teatro Provisionale ceco), diretta da Adolf Čech, con solisti Eleanora Ehrenberg, Betty Fibich, Antonín Vávra e Karel Čech.

Il compositore Leoš Janáček diresse quest’opera nell’aprile 1882 a Brno, città in cui lo Stabat Mater lasciò un segno particolare.

Poi fu eseguita a Budapest e poco dopo in tutto il mondo.

A Londra, nel 1884, Dvořák stesso la diresse al Royal Albert Hall con un organico impressionante (più di 800 coristi).

Lo Stabat Mater fu pubblicato dalla casa editrice tedesca N. Simrock nel 1881 e in questo momento Dvořák cambiò il numero di opus.

La composizione è divisa di dieci parti autonome:

  1. Stabat Mater dolorosa: Quartetto e Coro. Andante con moto
  2. Quis est homo, qui non fleret: Quartetto. Andante sostenuto
  3. Eja, Mater, fons amoris: Coro. Andante con moto
  4. Fac, ut ardeat cor meum: Basso solo e Coro. Largo
  5. Tui nati vulnerati: Coro. Andante con moto, quasi allegretto
  6. Fac me vere tecum flere: Tenore solo e Coro. Andante con moto
  7. Virgo virginum praeclara: Coro. Largo
  8. Fac, ut portem Christi mortem: Soprano solo e Tenore solo. Larghetto
  9. Inflammatus et accensus: Contralto solo. Andante maestoso
  10. Quando corpus morietur: Quartetto e Coro. Andante con moto

La cantata è scritta per un’orchestra di: 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti in la, 2 fagotti, 4 corni (due in Fa, due in re), 2 trombe, 3 tromboni, tuba, timpani, organo (che viene usato solo per accompagnare il coro femminile nel quarto movimento) e archi.

I solisti sono un soprano, un contralto, un tenore e un basso, accompagnati dal coro standard a 4 voci (soprani, contralti, tenori e bassi).

Andiamo ora ad ascoltare insieme questa opera.

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Spartito (riduzione per soli, coro e pianoforte)

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Testo

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Stabat Mater dolorosa – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Quis est homo, qui non fleret – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Eja, Mater, fons amoris – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Fac, ut ardeat cor meum – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Tui nati vulnerati – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Fac me vere tecum flere – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Virgo virginum praeclara – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Fac, ut portem Christi mortem – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Inflammatus et accensus – Guida all’ascolto

Antonín Dvořák – Stabat Mater: Quando corpus morietur – Guida all’ascolto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!



Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment