Georges Bizet – L’Arlésienne: Suite n. 1 – Introduzione

GeorgesBizet

L’Arlésienne è un mélodrame (genere drammatico con musiche che fanno da sfondo ai dialoghi o ai cambi di scena) in tre atti che Alphonse Daudet trasse dalle sue Lettres de mon moulin, un romanzo scritto un anno prima, basato su una vicenda realmente accaduta a un giovane parente del poeta provenzale Mistral. In esso si narra la storia di due fratelli contadini della regione delle camarghe, figli di mamma Rosa: Fréderi, giovanotto sensibile, che si innamora perdutamente di una ragazza seducente ed affascinante di Arles (l’Arlesiana, appunto), e Janet detto l’innocent perché ritardato mentale: il primo, dopo aver scoperto che l’amata è in …Read more »

Hector Berlioz – Symphonie fantastique op. 14 – Introduzione

HectorBerlioz

La Symphonie fantastique op. 14 (il cui titolo originale è Épisode de la vie d’un artiste, symphonie fantastique en cinq parties, che poi è diventato il sottotitolo) è un’opera per orchestra di Hector Berlioz (1803 – 1869) composta nel febbraio-marzo del 1830 e dedicata a “Sa Majesté Nicholas Ier, Empereur de toutes les Russies”. Fu eseguita per la prima volta il 5 dicembre 1830 sotto la direzione di François-Antoine Habeneck al conservatorio di Parigi, struttura che esiste tutt’oggi nel X arrondissement, e alla cui entrata una placca commemorativa ricorda l’avvenimento. Fu un trionfo nonostante Berlioz fosse molto giovane e non …Read more »

Heinrich Schütz: Historia der Auferstehung Jesu Christi, op. 3 SWV 50 – Introduzione

HeinrichSchutz

La creazione della Storia della Resurrezione del compositore e organista tedesco Heinrich Schütz (1585 – 1672) si situa a metà tra l’influenza di Giovanni Gabrieli, con il quale egli lavorò a partire dal 1609, e le lezioni che apprese dall’insegnamento di Monteverdi (1628). Ma più che a questi due compositori, quest’opera si rifà al genere dell’oratorio. Ventitré anni dopo la Rappresentazione di anima et di corpo di Cavalieri Schütz dà alla Germania il suo primo oratorio. Tuttavia, la concezione moderna degli italiani nella messa in musica di un testo religioso dai contorni drammatici, qui è attenuata da qualche costruzione più antica, arcaica. Il legame …Read more »

Ludwig van Beethoven: Concerto per pianoforte e orchestra n. 4 in sol maggiore, op. 58 – Introduzione

LudvigVanBeethoven

I primi schizzi del Concerto per pianoforte e orchestra n. 4 in sol maggiore, op. 58 di Ludwig van Beethoven (1770 – 1827) risalgono agli anni 1802-1803, mentre il compositore stava lavorando sulla sinfonia Eroica. Nel 1805 scrisse una gran parte del Concerto che fu terminato nel 1806 o all’inizio del 1807. Fu eseguito solo due volte mentre Beethoven era in vita: la prima nel 1807 in modo privato nel palazzo del principe Lobkowitz la seconda, in pubblico questa volta, il 22 dicembre 1808 a Vienna, al Theater an del Wien in un concerto storico, dove furono eseguite anche la …Read more »

Claudio Monteverdi: Il combattimento di Tancredi e Clorinda – Introduzione

ClaudioMonteverdi

Il combattimento di Tancredi e Clorinda (SV 153), dedicato alla Sacra Cesarea Maestà dell’Imperator Ferdinando III, è un madrigale in forma rappresentativa in un quadro di Claudio Monteverdi (1567 – 1643), scritto per tre voci (un soprano, Clorinda, e due tenori: Tancredi e il narratore, voci che non si sovrappongono mai tra di loro), strumenti a corda e basso continuo. La sua prima rappresentazione (anche se non è un brano destinato alla scena: tutta la sua intensità drammatica si trova nel testo e nella musica) ebbe luogo durante il carnevale di Venezia del 1624, in casa del ricco senatore e alto …Read more »

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!



Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment



Categorie