Anton Bruckner: Sinfonia n. 4 in mi bemolle maggiore “Romantica” – Introduzione

AntonBrucknerLa Sinfonia n. 4 in mi bemolle maggiore di Anton Bruckner (1824 – 1896), nota anche come Romantica (termine suggerito a Bruckner dal suo allievo Schalk), inaugura la serie di sinfonie chiamate in maggiore e resta, insieme alla Settima e all’Ottava, una delle sue sinfonie più celebri.

Di quest’opera esistono due versioni (tre addirittura per il Finale), con numerosi rimaneggiamenti successivi.

La versione originale fu scritta tra il gennaio e il novembre del 1874, periodo difficile per Bruckner a causa di vari insuccessi professionali, cosa che lo rese praticamente senza soldi.

Questa prima versione resterà sconosciuta al grande pubblico fino alla sua pubblicazione, da parte delle edizioni Nowark, un secolo più tardi, nel 1975!

La sinfonia sarà allora eseguita, nel settembre dello stesso anno da Kurt Wöss, a Linz.

Comparando questa versione alle successive, qui troviamo una grande coloritura strumentale (con l’uso di legni e corni) ed una più grande complessità contrappuntistica e ritmica (con l’uso di quintine).

Nel 1878, Bruckner decise di rimettere mano ai primi due movimenti e compose un nuovo Jagd-Scherzo (Scherzo da caccia); accorciò anche il Finale antecedente, non essendo soddisfatto, e lo riscrisse completamente nel 1880.

Ed è sotto questa forma, pubblicata da Albert J. Gutmann a Vienna nel 1889, che la Quarta sinfonia è conosciuta oggi: i primi tre movimenti del 1878, il Finale del 1880.

Questa versione fu eseguita a Vienna il 20 febbraio 1881 sotto la direzione di Hans Richter, al Musikvereinsaal, in un concerto dei Filarmonici di Vienna.

Nella stessa sede e con il medesimo direttore fu anche resa pubblica l’ultima veste strumentale della Sinfonia (la quarta), il 22 dicembre 1888.

Nel 1936 Robert Haas curò la pubblicazione di una versione della sinfonia che è un po’ la sommatoria delle prime tre versioni.

Altri cambiamenti (con una nuova strumentazione preparata insieme a Ferdinand Loewe), di cui tenne conto l’edizione Nowak, sopraggiunsero di nuovo nel 1887-1888.

La Quarta sinfonia è dedicata da Bruckner al principe Costantino di Hohenlohe-Schillingfürst.

L’organico strumentale prevede 2 flauti, un ottavino (nella versione finale del 1888), 2 oboi, 2 clarinetti e 2 fagotti; 4 corni, 3 trombe, 3 tromboni, 1 tuba (a partire dalla seconda versione); 2 timpani, piatti (nella versione finale del 1888) e archi.

La durata della versione primitiva è di circa 75 minuti, mentre quella della versione del 1878-1880 è di circa 65 minuti.

Un sentimento mistico della natura impregna tutta la Quarta sinfonia, una delle partiture più luminose del compositore, più volte accostata alla Pastorale di Beethoven, da cui però si discosta per il particolare linguaggio bruckneriano, che tende all’isolamento e alle visioni assorte e silenziose piuttosto che ad una visione universale e ottimistica.

La Natura è vista come forza primigenia, terribile e generosa a un tempo, spesso rifiuto intimistico di un uomo perennemente alla ricerca di se stesso: così sembra sia il ritmo della Natura a scandire il tempo e i respiri della Sinfonia.

Da notare il ruolo di primo piano dei corni (presentazione dei temi di ognuno dei movimenti estremi, senza omettere il loro intervento nelle scene di caccia dello Scherzo).

Anton Bruckner: Sinfonia n. 4 in mi bemolle maggiore “Romantica” – Partitura

Anton Bruckner: Sinfonia n. 4 in mi bemolle maggiore “Romantica” – Guida all’ascolto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CLICCA QUI e scarica subito l'E-BOOK GRATUITO: “Guida all’ascolto dello Stabat Mater di Antonín Dvorák”

Segui guidaallascolto sui Social Network!



Come trovi questo sito?

Eccellente
Ottimo
Buono
Così così
Scadente
Pessimo
No comment



Categorie